?

Log in

No account? Create an account

Post precedente | Post successivo

[Criticombola] Trouble is a friend of mine

Titolo: Trouble is a friend of mine
Fandom: Originale
Rating: Per tutti
Note:
- Scritta per la Criticombola, tema #25 There's oceans in between us but that's not very far
- Raccolta composta da 4 piccoli episodi
- Titolo rubato a Trouble is a friend di Lenka
- Sì, sono i personaggi citati in It takes two

Parte I
Parte II



III. Ho un amico che dice di aver cambiato mestiere

Quando Jamil gli ha detto di aver lasciato la magia per sempre, per dedicarsi alla scrittura, Galahad non ha esultato più di tanto. Con la maturità dei suoi quasi quarant'anni, dopo circa trent'anni di amicizia con il Sommo Idiota dei Mondi, sa bene che non c'è da fidarsi.
Quando Jamil gli piomba in casa tutto eccitato, dicendogli che si è iscritto al Campionato Multimondo di Invenzione di Linguaggi e che ha bisogno di un aiutante, si aspetta di finire ancora una volta nei guai chissà dove. Ed infatti è così. La vittoria al Campionato costa a Jamil una sfida a colpi di indovinelli con un rivale e una rocambolesca fuga da un altro sfidante, armato di qualcosa di un po' più pericoloso che una manciata di indovinelli.
Quando Jamil si precipita a bussargli alla porta, per invitarlo alla presentazione del suo terzo romanzo, che sarà proiettata in Mondivisione da una postazione orbitante nello spazio, Galahad sa che si pentirà di avergli detto di sì. E in effetti se ne pente eccome, quando poi si trova bloccato in un ascensore trasparente che viaggia tra le galassie, quando viene assalito da un branco di fans urlanti che vogliono raggiungere Jamil, quando si perde per i 1800 piani del palazzone all'interno del quale si tiene la presentazione e quando deve riportarsi a casa Jamil che ha un po' esagerato con l'alcool.
In fondo, Jamil non ha mai abbandonato la magia. Ha solo scelto un tipo diverso magia. E la magia non è una carriera tranquilla, mai, in nessun mondo.
Galahad stesso sa che la magia di Jamil gli ha contagiato la vita. Lui voleva fare il maestro di musica, e alla fine si è ritrovato ad avere una casa che sembra un porto di mare. Oltre al normale viavai dei suoi allievi che studiano pianoforte, chitarra o solfeggio, ci sono anche tutti gli allievi multimondo. Poi ci sono le conoscenze che ha fatto al seguito di Jamil, che vanno a trovarlo. I fuggitivi e i bisognosi dimensionali che spesso e volentieri gli vengono appioppati in casa. I disgraziati di tutta la città, che devono aver avvertito l'aura speciale che irradia la casa di Galahad.
La magia non può lasciarti in pace, che tu sia mago, scrittore o amico sfigato di un rompicoglioni dimensionale.
Eccolo di nuovo, lo intravede da dietro le sue tendine azzurre. Sono tendine spione, gliele ha portate Jamil da uno dei suoi viaggi. Riparano le tue finestre ma ti permettono di vedere cosa succede fuori. Molto utili, specie se vuoi tenere a bada gli amici inopportuni.
Jamil cammina accanto a uno strano tipo che ha un che di irreale. Non che sia trasparente, incorporeio o qualcosa del genere. E' più...
... non riesce a dirlo. Ma non importa: presto lo scoprirà.
- Gala, potresti ospitarlo in casa per un po'? Il tempo di... Ehm... Trovargli una storia decente e...
Galahad non fa domande. Porta il tipo etereo in una delle stanze degli ospiti (un tempo era un salottino, ma ormai ci ha dormito veramente di tutto) ed evita di interrogarsi approfonditamente sulle parole di Jamil.
Di sera, poi, l'ospite di cui non vuole sapere nulla dorme (forse) di sopra e Jamil dorme sul divano (quello scemo non accetta mai la camera del padrone di casa che gli viene sempre offerta), Galahad prega (ha sempre lo stesso modo di fare, gentile e pragmatico, anche quando parla con Dio.) Gli raccomanda tutte le persone della sua vita. Non le elenca: non finirebbe più. Fa solo il nome di Jamil. E ringrazia, ringrazia perché Jamil è nella sua vita.
Lontano o vicino, a un oceano di distanza o al piano di sotto, Jamil è la magia che ha stravolto i quieti progetti di un maestro di musica, trasformando la sua vita in un epico susseguirsi di meravigliose follie.

Comments

( 1 commento — Su, via, una parolina dimmela! )
superloony
Nov. 8th, 2009 08:55 pm (UTC)
Quant'è carina questa storia *-*
Jamil è adorabile <3
( 1 commento — Su, via, una parolina dimmela! )

Tags

Powered by LiveJournal.com
Designed by Tiffany Chow