?

Log in

No account? Create an account

March 8th, 2011

Alla ricerca delle madri

Un uomo che, iniziando il cammino dell'arte, volesse guardarsi alle spalle e trovare un sostegno, un'eredità passata nei secoli, da portare avanti, troverebbe millenni di storia dei suoi padri.
Per una donna non è così semplice. Le madri non sono molte, la loro voce ha cominciato a farsi sentire da poco. Colpa del pensiero, della storia, delle culture, di un'idea folle di superiorità/inferiorità nata in un tempo antichissimo, attecchita e germogliata come poche altre idee, e tutt'ora in fiore. E non sto parlando di paesi lontani dal nostro. Basta un'analisi superficiale del nostro linguaggio, delle nostre tradizioni, dei nostri modi di dire e di tanti capisaldi del buonsenso comune, per capire che la parità dei sessi non esiste nemmeno per sbaglio.
La parità dei sessi non è un annullamento delle differenze, tante e meravigliose, tra maschile e femminile. E' un darsi uguale valore, rispettando le differenze, valorizzandole, scoprendole, scoprendosi, senza paura, senza vergogna, senza reticenze.

La letteratura è un punto d'incontro, da sempre.
Facciamola diventare anche un momento per scoprire qualcosa di nuovo, vi va?
Festeggiamo la festa della donna in questo modo: conoscendo alcune scrittrici. Si tratta di biografie piccole, poche parole scritte più che altro con il cuore, e qualche indicazione di siti nei quali reperire informazioni, o addirittura alcune opere. Ho coinvolto alcune di voi, per preparare una lista di personaggi che dovreste davvero conoscere. Una piccola rappresentanza delle tante "madri" che, se ci si guarda indietro, sono lì a indicarci la strada, perché abbiamo un sostegno, o anche solo per sceglierne una completamente diversa.
Sono donne che hanno parlato delle donne, ma anche di tutto il resto. Le abbiamo scelte perché le amiamo, prima di tutto. E anche per altri motivi: perché non sono troppo conosciute, perché potrebbero piacervi, perché il mondo della letteratura femminile non è fatto solo da best-seller sentimentali che parlano di donne stereotipate e per niente vere (lungi da me essere "razzista" verso certi libri, le loro autrici e le loro lettrici! Ma, oggettivamente, temo che alcune di queste opere non ci facciano un buon servizio.)
Le complici che ho tirato dentro a questo progetto sono state scelte con un unico criterio: penso che mi sopportino abbastanza, con le mie idee, da non mandarmi a quel paese. Ma se ciascuno di voi vorrà contribuire, per il futuro, sarà il benvenuto: vorrei creare una pagina, sul mio sito, che contenga una lista in continuo aggiornamento di autrici e opere.

Un grazie molto sentito va a due donne, le prime due di cui parlerò, perché senza di loro non solo non ci sarebbe niente di tutto questo, ma io sarei molto meno ricca di idee e conoscenza, e forse non sarei così sensibile alla tematica femminile.

Bianca PitzornoCollapse )

Ernestina PellegriniCollapse )

Comincia la nostra piccola raccolta di recensioni. Speriamo che queste nostre parole possano incantarvi e spingervi ad aprire i loro libri.

Angela CarterCollapse )

Sara Rina VirgillitoCollapse )

Willa CatherCollapse )

Lynn FlewellingCollapse )

Ellen KushnerCollapse )

Hope MirrleesCollapse )

Marguerite Yourcenar (shu_maat)

Linda Medley (crimsontriforce)

Irène Némirowsky (juuhachi_go)

Diana Wynne Jones (miss_random)

Kristen D. Randle (miss_random)

Mi auguro davvero che proviate a dare un'occhiata a questi piccoli scritti.
Questo progetto è una cosa, probabilmente, semplice, e non ha la pretesa di essere qualcosa di terribilmente serio, né perfetto. Ma io credo che l'arte non debba mai essere divisa dalla gente. Noi siamo "la gente", l'arte è nostra, e nostra è la possibilità di parlarne, diffonderla, passarla, farla conoscere, farla diventare una cosa viva.
Grazie!

Tags

Powered by LiveJournal.com
Designed by Tiffany Chow