?

Log in

No account? Create an account

Post precedente | Post successivo

Tra gennaio e marzo ho lavorato a una raccolta di quattro storie, ambientate nel mondo che sto progettando da un anno, e nel quale sarà ambientata una campagna di gioco di ruolo che partirà a breve.
Scrivere queste storie è stato faticoso, complicato e divertentissimo. Non so se il risultato potrà risultare una buona lettura, per voi, ma io mi auguro di sì. Le storie possono essere lette anche a sé stanti, anche se la seconda e la terza secondo me ci perdono, slegate dal resto. Se per caso voleste solo spulciare questo mondo, provate con la prima (se volete saperne di più di organizzazioni criminali, maldicenze e antiquariato) o con l'ultima (se siete più tipi da flashback, fuggitivi, guai con la giustizia ed eroismo discutibile.)

Abusivi - Adottivi

In un mondo simile al nostro, dove la storia ha preso tutto un altro corso, in un ipotetico inizio Novecento, c'è una città indipendente sulla costa egiziana, dove ogni giorno c'è qualche storia che vale la pena di raccontare.

Queste sono le storie della città, e di quattro dei suoi figli più bizzarri. Gente particolare, dal passato oscuro o doloroso, gente dai modi singolari e dai principi a volte discutibili. Ma una cosa è sicura: quando vogliono aiutare la città, hanno uno stile inconfondibile e molto efficace.



Grazie a...

- Kinnara e Shu, madrine di queste storie, oltre che beta-reader. Kinnara mi ha aiutata a visualizzare sempre meglio i protagonisti, e ha canonizzato un sacco di particolari meravigliosi, che spero prima o poi di riuscire a raccontare. La legge per evaderla è una sua perla. Shu mi ha fornito la lista di nomi dai quali ho pescato quelli dei personaggi egizi.
- Lorenzo, l'altro fedele beta-reader.
- Lynn, Jackie e David, che in questo mondo sono scrittori affermati...
- Yu-Eriol, per le chiacchierate su questa ambientazione, finalizzate all'imminente gioco di ruolo che avrà luogo in questo mondo. Mi sono state utili per disegnare ancora meglio la città e le sue tecnologie.
- Tutti i bambini ai quali ho rubato qualcosa, più o meno consapevolmente, per dare vita ad Aurel.
- La mia twitlist, che in questi mesi ha risposto a sondaggi letterari di vario genere e a richieste di aiuto bizzarre (come quella volta in cui ho domandato di elencarmi oggetti di uso comune, plausibili per l'inizio del Novecento, utilizzabili come arma impropria. Sono diventate le armi improbabili dell'Ordine delle Macchine da Cucire.)
- La persona sgradevole che, con la sua costante prepotenza, indelicatezza, incompetenza e paura ingiustificata del diverso, ha inconsapevolmente reso più aggressiva e più interessante (credo) la storia di Adi.
- Le persone che sono state molto Adi nei miei confronti negli ultimi mesi.

Questa storia è dedicata a sette giocatori che per cinque anni e mezzo hanno salvato la mia Londra vittoriana, e a tutti i giocatori, vecchi e nuovi, che si apprestano a salpare, con un augurio di successo e divertimento per la campagna che partirà presto, e comincerà proprio qui, ad Almiressa. Spero che questo mondo diventi per voi accogliente come la mia cucina.

Tags

Powered by LiveJournal.com
Designed by Tiffany Chow